COSTA OVEST - Icefield Parkway - Parte 5 Jasper NP & Columbia Icefiled

Dopo un bel po’ di tempo, continuo il viaggio attraverso la Icefield Parkway, lasciato in “pausa” all’ ingresso del Jasper National Park.

Non ricordandomi se nel link vari l’avevo messa, riporto un link QUI; SCARICATEVI QUESTA MAPPA E’ UTILISSIMA!

Facciamo un piccolo riassunto; siamo partiti virtualmente da Calgary, e ci siamo diretti subito verso la Icefiled Parkway, entrando nel Banff & Jasper NP, ma analizzando prima il parco di Banff, la cittadina e quindi sposandoci verso Jasper dividendo un 4 tappe il percorso. E li potete trovare linkati qui; COSTA OVEST - Icefield Parkway - Parte 1 Banff  – COSTA OVEST - Icefield Parkway - Parte 2 Lake Luoise to Peyto Lake – COSTA OVEST - Icefield Parkway - Parte 3 Peyto Lake to Saskatchewan Crossing - COSTA OVEST - Icefield Parkway - Parte 4 Saskatchewan crossing to Jasper NP

Ripartiamo quindi da qui, dall’immagine sottostante; l’avviso di ingresso al Jasper National Park.

 

 

Iniziamo con dire che il Parco di Jasper è il parco nazionale più grande delle montagne rocciose e la sua “nascita” risale al 1907. Stiamo parlando di più di 11.000 ( UNDICIMILA!! ) km quadrati di estensione, cioè circa MEZZA LOMBARDIA per intenderci.

 

 

Il parco mette a disposizione più di 1000 km di sentieri e vie praticabili, e ovvio che i gestori del parco e le autorità adibite al turismo invitano a praticare il "backcountry camping” come migliore esperienza per vivere a fondo il potere magico della natura incontaminata di questa meraviglia.

Di seguito un po’ di info:

Il sito del parco ( PARKS CANADA ): http://www.pc.gc.ca/eng/pn-np/ab/jasper/index.aspx

Broshures: http://www.pc.gc.ca/eng/pn-np/ab/jasper/visit/visit4a.aspx

Mappa dei POI: http://www.pc.gc.ca/eng/pn-np/ab/jasper/visit/~/media/pn-np/ab/jasper/pdfs/visit/Brochures/POI-ENG-lowres_accessible.ashx

Altro sito sul parco: http://www.jaspernationalpark.com

Il parco offre tutto quello che un amante della natura, dello sport e vita all’aria aperta può immaginare. Dalle classiche passeggiare con la famiglia a quelle più lunghe e complesse. A chi ama fare la stessa strada a cavallo ( del cavallo ) o a cavallo di una comoda MountainBike.

 

 

E’ possibile fare arrampicata sulla roccia, sulle cascate di ghiaccio, usare la canoa, fare rafting sul gommone in compagnia degli amici sfegatati, e pescare “il salmone più gigante del Canada” come diceva una vecchia sigla di un cartone animato giapponese.

Per dare una “classificazione” alla caratteristiche del percorso messo a disposizione dal parco, sono stati suddivisi in 3 categorie:

Semi-Primitive: sono i “trail” più “civilizzati” se vogliamo definirli così, hanno il livello più ampio di servizi, come i Campsite, ovvero le zone attrezzate per i PicNic, e soprattutto zone dove è possibile usare fiamme libere. Vengono mantenuti in buone condizioni dall’ente parco e sono quelli più adatti ai principianti o alle famiglie in genere.

Primitive: i servizi dedicati a questi sentieri sono quelli minimi, manutenzione annuale, e le zona attrezzate hanno i cestini anti-orso e i servizi igienici.

Wildland: beh non serve altro da aggiungere, sono aree non mantenute destinati a persone esperte di escursionismo, vita nella natura selvaggia e a contatto con animali anche pericolosi.

La cosa più importante comunque, è quella di RISPETTARE L’AMBIENTE E LA NATURA, e di conseguenza NON LASCIARE RIFIUTI NELLA NATURA, ma USARE gli appositi CESTINI ANTI ORSO. Non deturpare il paesaggio, seguire i percorsi già esistenti.

Vi assicuro che i BAGNI PUBBLICI sono dappertutto, anche nel posto in cui non immaginereste mai, e ve lo dico per esperienza personale, sono puliti e con la carta igienica anche nel bel mezzo del nulla e vengono chiamati Pit Privies!

Il periodo migliore per visitare il parco è la “Summer Season”, che parte da Maggio inoltrato, dove il tempo è più mite, ma in alcuni punti la neve non manca. Per stare tranquillo e avere maggior scelta di itinerari è meglio puntare il periodo di Giugno, fino all’inizio di settembre. 

Il periodo autunnale è ancora buono per poter gustare il parco nel suo splendore, e soprattutto per chi non ama troppo la confusione dei turisti, il resto dell’anno, da Novembre ad Aprile è il freddo inverno delle Rockyes, bisogna essere preparati ad affrontarlo, meglio optare per le magnifiche località sciistiche come Lake Louise!.

Fatte le premesse del caso, continuiamo il viaggio.

Dunque, abbiamo passato il Saskatchewan River Crossing e siamo in procinto di avvicinare una delle esperienze più particolari che abbiate mai fatto. Prima di arrivarci però, a circa metà strada tra Banff e Jasper c’è il servitissimo Wilcox Creek Campground.

 

http://www.albertawow.com/campgrounds/Wilcox_Creek/Wilcox_Creek.htm

 

Si tratta di una area attrezzata di dimensioni ragguardevoli, con diversi servizi a disposizione, menzionati nel link sopra indicato. A me fa sempre impressione il fatto di trovare una cabina telefonica fissa, funzionante e nella maggior parte dei casi con anche la guida telefonica al seguito, in un posto che è lontano centinaia di km dal primo “vero” centro abitato.

 

 

Se decidete di sostare qualche giorno, potete visitare: Mount Athabasca, Mount Andromeda, Snow Dome, Mount Kitchener, Mount Wilcox, Wilcox Pass, Parker Ridge, Hilda Ridge, Hilda Glacier, Nigel Pass, Boundary Lake, Weeping Wall.

Mettete le scarpe comode e occhio agli Wild Animals.

Un paio di curve più avanti di Wilcox Creek, alla vostra sinistra potete già scorgere il spettacolare Athabaska Glacier, una lingua di neve e ghiaccio che scende verso la Icefiled Parkway.

 

 

La principale attrazione di questo spettacolare sito, è la Glacier Adventure. Adesso vi spiego….

La “base” di partenza è il Columbia Icefield Discovery Center, situato nel lato opposto del ghiacciaio.

 

 

In pratica possiamo considerarlo alla stregua dei nostri rifugi di montagna ( ma molto più in grande!! ), il Glacier View Inn dove poter dormire, ovviamente pranzare o solo prendere un bel caffè! Io ho mangiato a pranzo e devo dire che con il ghiacciaio "al tuo fianco" è veramente particolare e rilassante.

 

 

I dettagli tecnici sono scritti QUI.

 

 

Il pezzo forte però è lo SnowBus Ice Explorer, l’avrete sicuramente visto in qualche brochure, sono gli imponenti BUS appositamente costruiti per portarvi nel cuore del ghiacciaio! Ecco qui sotto la mia partenza verso il ghiacciaio! 

 

 

Il viaggio dura pochi minuti, ma sia il personale che il pullman sono uno spasso e poi una volta arrivati in cima alla via, è una esperienza esaltante.

 

 

Ecco qui sotto la zona di arrivo.

 

 

L’unico neo è che "costicchia" un po’, quindi sappiate che dovrete prevedere di spendere circa 50€ a testa per questa attrazione. Per me ne vale la pena, siete giunti fino a qui, perchè mancare questa esperienza.

Una volta scesi dallo Snowbus, possiamo ripartire alla volta di Jasper, ci aspettano un altro centinaio abbondante di km di natura da esplorare. Non mancate la parte 6 del viaggio!! 

Roberto.