Cosa metto in valigia

Eccoci arrivati al fatidico giorno dove tutto è pronto; itinerario, prenotazioni, ANTICIPI vari, documenti, manca solo di capire “cosa metto in valigia? “. Vediamo un po’ per sommi capi cosa prepararci, poi ognuno di voi deciderà cosa sia meglio per il prorio soggiorno.

 

ABBIGLIAMENTO

Dunque, se andate in inverno, date le temperature rigide, è d’obbligo l’abbigliamento puramente invernale senza mezzi termini. Noi vorremmo prendere in considerazione però i periodi più consoni ad una vacanza senza problemi, quindi quello primaverile/estivo, da Maggio ad Agosto.

Il nostro consiglio è quello di prevedere sempre un abbigliamento a “cipolla“, ovvero avere la possibilità, partendo da degli indumenti di base, di poter toglierne o metterne uno in caso di necessità. Per noi non deve mancare, insieme ai cambi vari, il materiale elencato di seguito.

Benvenute solo quelle giacche che hanno un interno in pile o similare con la parte impermeabile/antivento a supporto così da poter gestire ogni evenienza. Maglietta della salute sotto e poi vestiario a seconda delle vostre caratteristiche (è ovvio che chi abita in montagna o in località fredde potrebbe girare in maglietta mentre per i freddolosi sarà necessario il maglione di lana). Servono pantaloni comodi, se siete in estate meglio quelli da trekking che hanno la possibilità di sganciare la parte inferiore delle gambe. Infine delle COMODE SCARPE da TREKKING leggero possibilmente in GORETEX, ideale per le scampagnate, ma allo stesso tempo utilissime per visitare la città e in caso di maltempo...perchè abbiate fiducia...camminerete tantissimo.  Molti capi di abbigliamento, visto il cambio del Dollaro Canadese favorevole, probabilmente li acquisterete in loco, come hanno fatto molti di noi, regolatevi con questo metodo per portarvi i vostri vestiti, aggiungete qualche cosa in più se state andando nella costa Ovest dove ovviamente la presenza di centri commerciali è molto inferiore. Costume e ciabatte SEMPRE in valigia, i bagni pubblici, le terme e le piscine degli alberghi, molte volte gratuite, meritano di essere testate.

 

ACCESSORI

Prima cosa che vi serve sapere è che il Canada ha come standard la tensione a 110Volt/60Hz quindi prima di portare qualsiasi apparecchio che abbia una spina della corrente, verificare che funzioni a 110Volt, altrimenti lasciatelo a casa (i caricabatterie dei cellulari o dei notebook di norma sono compatibili con entrambi i voltaggi ma LEGGETE BENE le etichette). Seconda cosa MOLTO importante, serve una adattatore per la spina europea verso quella americana, si trovano in aereoporto e nei duty-free shop.

Consigliamo uno zaino, anche non grande, pro capite. Spostandovi parecchio a piedi, ci sono delle piccole cose che avrete sempre a disposizione, tipo; acqua, occhiali da sole, cappellino, cartine, documenti, etc..etc.. che in tasca potrebbero darvi parecchie noie. Quindi è meglio avere tutto diviso tra voi e i vostri amici in zainetti piccoli in modo da non portare troppo peso a testa perchè a fine giornata sarete sfiniti!.

Se volete portarvi il vostro telefonino, sappiate che, in base alle info reperibili su internet, non tutte le compagnie telefoniche italiane hanno un partner che permette il roaming internazionale. Andate nel sito del vostro operatore e verificare. Inutile dire che i costi sono ESORBITANTI, anche per inviare solo in SMS. Per comunicare in tutti i casi è OBBLIGATORIO avere almeno un telefono TRIBAND. Un'ottima alternativa al cellulare sono le schede telefoniche internazionali prepagate. Ci sono di diversi tagli e sono facili da usare. Al contrario dell’Italia, in Canada esistono ancora le cabine del telefono pubbliche, e si trovano dappertutto quindi non è un problema utilizzarle, anzi! E’ ovviamente STRA-MEGA-OBBLIGATORIA una macchina fotografica, qualunque essa sia, non potete non immortalare l’esperienza fantastica che vivrete. Meglio ancora se avete anche la VIDEOCAMERA, così avrete un reportage completo. Se avete un notebook, le reti Wireless sono dappertutto, quindi potete sfruttare questa tecnologia per contattare l’Italia, magari gratuitamente con Slype o programmi simili. Ricordatevi sempre che dovete portarvelo in giro, quindi se è voluminoso dovete tenere conto se il gioco vale la Candela.

Genericamente il nostro consiglio è di non partire con una valigia stracolma di roba, cercate di lasciare dello spazio oppure suddividete il tutto in due valigie in modo da lasciare spazio agli acquisti che farete.

Come ultimo consiglio, vi diciamo che è utile tenete presente che se al momento della partenza il cambio €/$ è favore, spazzolini, profumi shampi etc..etc..etc.. costano INFINITAMENTE MENO che da noi nella maggior parte dei casi, quindi probabilmente non conviene nemmeno portarseli dall’italia, ma fare la “spesa“ là.

Credo di aver detto tutto, ma ci sarà tempo per aggiornare il tutto ad ogni evenienza.

Roberto